Ingrossamento del fegato: cause

Molte persone presentano un fegato ingrossato, in termini medici Epatomegalia ma a che cosa è dovuta questa condizione che non rappresenta in se una malattia ma il segno di diverse altre patologie specifiche del fegato o derivanti da cause a questo estranee. Vediamo perché si ha il Fegato ingrossato.

Dov’è il fegato

Il fegato è un importantissimo organo con funzioni irrinunciabili per tutto l’organismo. Il fegato si trova nella parte superiore dell’addome, nella parte destra, riparato dalle coste più basse della gabbia toracica.

In condizioni normali il fegato non deborda quasi per niente dalla parte inferiore della gabbia toracica ma quando si ingrossa con la semplice palpazione si può apprezzare facilmente la sua debordazione.

A conferma del sospetto clinico è possibile eseguire una semplice ecografia che ne dimostrerà l’ingrossamento e nel contempo può dare delle importanti indicazioni sull’aspetto, la struttura, le anomalie anatomiche di questo organo.

Le funzioni del fegato 

Le dimensioni del fegato possono essere variabili in funzione dell’età, del sesso e delle caratteristiche del corpo. Si tratta, comunque, di un organo di grandi dimensioni che è composto da cellule altamente specializzate, gli epatociti, che si occupano di molte funzioni.

Tra le varie funzioni le cellule epatiche si occupano di metabolizzare gli ormoni, produrre e metabolizzare il colesterolo, produrre la bile, metabolizzare le sostanze che giungono dall’intestino, immagazzinare e rendere prontamente disponibile il glucosio e molto altro.

Il fegato è, quindi, un organo fondamentale e la sua importanza è testimoniata anche dalla massiccia irrorazione sanguigna: ogni minuto transita dal fegato circa 1,5 litri di sangue. Per consentire il miglior funzionamento possibile del fegato, questo è protetto da sbalzi di irrorazione da specifici meccanismi.

Cause dell’ingrossamento del fegato

Le cause dell’ingrossamento del fegato possono essere raggruppate in tre tipi:

  • Malattie proprie del fegato
  • Scompenso cardiaco congestizio e ostruzioni del flusso sanguigno
  • Tumori

Tra le malattie del fegato che più facilmente possono essere causa di ingrossamento c’è la steatosi epatica.

Questa malattia consiste nell’accumulo di grasso nel tessuto del fegato. Il fegato grasso, formato sostanzialmente da trigliceridi che infarciscono le cellule epatiche, è molto diffuso nella popolazione e trova a sua volta causa nell’alimentazione squilibrata e nell’uso eccessivo di alcoolici.

L’alcool esplica la sua azione negativa come agente chimico tossico che compromette le funzioni fondamentali di questo organo. La steatosi innesca una risposta infiammatoria del fegato che nel lungo termine, se non vengono rimosse le cause e se il fegato non riesce a riportare alla normalità le sue cellule, l’infiammazione si cronicizza, il tessuto diventa fibroso e spesso si manifesta la cirrosi.

La cirrosi si può manifestare anche in persone che non consumano alcool ma in questo caso spesso alla base c’è una epatite, in particolare l’epatite B o C. Molte altre malattie del fegato possono essere causa di ingrossamento.

Le altre cause 

Ben si comprende come masse tumorali possano provocare gravi alterazioni del tessuto epatico, infiammazioni, problemi di irrorazione sanguigna eccetera. Certamente in presenza di un tumore epatico il fegato si ingrosserà anche in maniera parecchio sensibile.

Quando si riscontra un ingrossamento del fegato la prima indagine deve riguardare il fegato stesso ma contemporaneamente occorre indagare eventuali cause circolatorie o di anomalie cardiache.

Fattori di rischio

A parte l’eccesso di consumo di alcool e un’alimentazione sbagliata, anche l’assunzione di troppi farmaci ma anche un eccesso di vitamine, integratori e rimedi erboristici possono dare il via all’ingrossamento del fegato.

I farmaci da banco, troppo spesso e con leggerezza ritenuti dalle persone sostanze innocue, sono spesso causa di danno al tessuto epatico e di conseguenza essere alla base di un ingrossamento del fegato. In fondo, se ci pensi bene, sono sempre sostanze chimiche dotate di una loro azione tossica, per quanto limitata possa essere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *